Affascinante la scommessa di Otto, una startup americana con sede a San Francisco nella quale ex dipendenti Google, Tesla ed Apple provano a rivoluzionare il settore trasporti con la guida autonoma dei camion.

TEAM COMPETENTE ED ESTROSO – La nuova azienda, costituita da 40 membri in totale, ha deciso di mostrarsi dopo avere lungamente operato senza farsi scoprire. Diversi i componenti della squadra con alle spalle eccellenti esperienze nel settore automotive e tecnologico, a cominciare da Anthony Levandowski, uno di coloro che hanno partecipato alla creazione della Google Car a guida autonoma. Altro nome di spicco Lior Ron, in passato manager Google Maps e responsabile della tecnologia per l’esercito israeliano, che ha dichiarato: “Riteniamo che risolvere il problema delle autostrade e del trasporto dei mezzi pesanti sulle autostrade sia una sfida che possiamo risolvere con la tecnologia che esiste oggi”.

SOSTENUTE LE PROVE SU STRADA – La volontà è dare la possibilità ai mezzi pesanti di andare in completa autonomia, ma soprattutto quello di non sviluppare un mezzo a partire da zero. Il dispositivo sarà infatti possibile installarlo su qualsiasi autocarro in circolazione al fine di rendere la vita dei conducenti maggiormente rilassante e fornire una sorta di assistenza in caso di imprevisti. Il veicolo sarà però in grado di manovrarsi completamente da solo esclusivamente in alcuni tratti come quelli autostradali. Aumentata l’effcienza dei camion e ridotti i rischi correlati alla stanchezza, sono già stati svolti da Otto i primi test pubblici su strada, così da dimostrare lo stato dei lavori. In attesa di scoprire quali saranno le prossime mosse delle società concorrenti, certamente anche loro sorprese dalla notizia, va fatto un plauso per la capacità di innovare alla giovane realtà imprenditoriale.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × due =