Rally-Ronde d’Estate: emozioni sotto il sole d’agosto in Piemonte

La prova sarà valevole per il campionato Piemonte Valle d'Aosta Rallies-Trofeo Automotoracing 2014. I chilometri da percorrere sono 169

Ronde d'estate
Ronde d'estate

Tutto pronto per la nuova edizione delle Ronde d’Estate. Il rally piemontese torna alla ribalta per questo classico d’estate che si svolge nel torinese tra Pont Canavese, Cuorgnè, Chiesanuova e Borgiallo in programma sabato 9 e domenica 10 agosto. La prova sarà valevole per il campionato Piemonte Valle d’Aosta Rallies-Trofeo Automotoracing 2014.

Ronde d’Estate al via sabato 9 agosto

Il semaforo verde scatterà nella giornata di sabato quando tutti i concorrenti saranno presentati al pubblico nel centro di Cuorgnè per entrare nel parco chiuso dove non sarà possibile fare ulteriori modifiche prima della gara. La mattina successiva partirà il cronometro. Previsti quattro passaggi nella prova speciale di Chiesanuova con tre trasferimenti di ritorno a Cuorgnè di 13,560 chilometri. In tutto la gara si correrà su 169 chilometri, di cui 39 a cronometro.

La battaglia nella salita verso Chiesanuova

Il punto più spettacolare del percorso è senza ombra di dubbio la salita verso Chiesanuova. Dopo la partenza della prova speciale, i piloti si troveranno ad affrontare una serie di curve medio-veloci per poi percorrere la discesa verso il torrente Orco. Dopo circa 4,8 chilometri si entra in un percorso molto tecnico che metterà a dura prova i piloti meno esperti. Terminata la parte guidata e tecnica si incomincerà la salita di 4 chilometri con tornanti e un anfiteatro naturale da cui gli spettatori potranno godersi tutto lo spettacolo del rally offerto dalle Ronde d’Estate. Finita la salita ci sarà un falsopiano verso Borgiallo dove si concluderà la prova. Dal fine percorso si tornerà nuovamente a Cuorgnè per il Riordino e il Parco Assistenza prima di ricominciare da capo per altre 3 tre volte.

Ammesse anche 30 auto d’epoca

Sarà possibile partecipare anche con le auto storiche. Sono trenta i posti riservati per le vetture d’epoca costruite, suddivise tra due periodi: quindici per le auto costruite fino al 1985 e quindici per quelle realizzate fra il 1986 e 1990.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]