Rally dell’Adriatico, vince Scandola e allunga in classifica generale

Il pilota Ford consolida il primato nel campionato italiano rally, il 10 ottobre a Verona la resa dei conti finale con gli altri due contendenti al titolo: Basso e Andreucci

Umberto Scandola vince il Rally dell'Adriatico
Umberto Scandola vince il Rally dell'Adriatico

Umberto Scandola vince la 21esima edizione del rally dell’Adriatico e consolida il primato in testa alla classifica del Campionato italiano Rally con 6 lunghezze di vantaggio su Giandomenico Basso e sette punti su Paolo Andreucci. Scandola, su Skoda Fabia S2000 ha dominato la penultima gara del campionato vincendo con oltre 30 secondi di vantaggio su Denis Colombini (a bordo di Ford Fiesta R5) e con quasi un minuto di vantaggio sul secondo della classifica generale, Giandomenico Basso, che guida una Ford Fiesta R5 Idi.

Il guasto e l’errore di Andreucci

La gara di Scandola non sarebbe stata così facile se l’altro pretendente al titolo, Andreucci, non fosse finito fuori pista con la sua Peugeot 208 T16 R5. Fino alla sesta prova (su 11 totali) Andreucci sembrava in controllo della gara ma un errore lo ha messo ko, facendogli perdere un’enormità di tempo. Un ritardo che poi non è più riuscito a colmare. Il tracciato del rally dell’Adriatico, contraddistinto da strade sterrate e terreni sconnessi era un banco di prova difficile per i piloti e Andreucci purtroppo non ha saputo raccogliere quanto di buono aveva fatto nelle prove precedenti. La Peugeot può consolarsi del ritiro di Andreucci con la conquista del campionato costruttori e con la vittoria nell’altro trofeo di giornata: il Trofeo Rally Terra 2014. A vincerlo a bordo di una Peugeot 207 S2000 il trentino Renato Travaglia, giunto quinto nella classifica generale, ma primo in quella riservata al Trofeo Rally Terra.

A Verona la resa dei conti

Il weekend tra il 10 e il 12 ottobre, a Verona, andrà in scena l’ultima prova del campionato. Scandola, forte dei suoi 82 punti di vantaggio potrà permettersi di gestire la gara e anche arrivare secondo per conquistare il titolo. Basso con 76 punti e Andreucci con 75 punti dovranno necessariamente forzare la mano e, chissà, potrebbero darsi una mano a vicenda: se Scandola finisce terzo il campionato potrebbe essere in bilico.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]