GP Monza: addio alla Formula 1, Ecclestone trova l’accordo con Imola

Trovato l'accordo tra Ecclestone e Imola, ACI si oppone al cambio

Prossimo alla sua conclusione il GP Monza. Bernie Ecclestone ha raggiunto l’accordo con Imola, che prenderebbe il posto del mitico circuito brianzolo.

ORIGINI, CAMPIONI E RECORD

Sin dall’anno successivo alla sua introduzione, avvenuta a Montichiari nel 1921, il GP d’Italia è sempre stato ospitato da Monza, eccezion fatta per cinque edizioni: Livorno 1937, Milano 1947, Torino 1948 ed Imola 1980. Primo vincitore Pietro Bordino, a bordo di una Fiat, grandi sono stati i nomi che si sono seguiti nel corso degli anni. Tre i trionfi conquistati da Tazio Nuvolari, anche se la Ferrari entra nell’albo d’oro solo quando scocca il 1949, guidata da Alberto Ascari. Un epico successo che fa da preambolo alla nascita della Formula 1. Pilota col maggior numero di imposizioni Michael Schumacher, sempre da scudiero della “Rossa”.

STABILITA UN’INTESA

Negli ultimi mesi il futuro della corsa è finito tuttavia in bilico. Il 2017, con l’attuale contratto giunto a scadenza, vedrebbe la gestione passare all’Aci. Ipotizzata la sua uscita di scena dal calendario della F1, Imola ha lavorato per migliorare i propri servizi, al fine di risultare una valida alternativa. Il presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense, a Motorsport.com ha confermato che un accordo è stato firmato affinché la gara si possa disputare sul circuito di Imola, ma il tutto richiede ancora l’approvazione da parte dell’ACI: Bernie sa che siamo disponibili e ci ha inviato una proposta che abbiamo firmato e rispedito. Saremo molto felici di poter vedere la Formula 1 tornare a Imola (manca dal 2006, ndr). Perché il nostro sforzo principale è quello di ottenere proprio questo tipo di risultato”.

QUESTIONE POLITICA

“Dipende solo da Angelo Sticchi Damiani – ha proseguito Estense -. Penso che sia una questione politica. Abbiamo un accordo con Bernie, e abbiamo solo bisogno dell’approvazione dell’autorità sportiva nazionale. Se in futuro non vi sarà nessun GP italiano, sarà solo un problema del signor Sticchi Damiani, che non consentiva questo accordo. Stefano Bonaccini, il presidente della regione Emilia-Romagna, ci sostiene. Lui è un uomo molto pragmatico e ha detto che se si ha il contratto, sarà dei nostri”. Il numero 1 ACI Sticchi Damiani ha già chiarito che la legge italiana non consente che la gara si possa tenere da nessuna parte se non a Monza: “Lo dice la legge finanziaria italiana. Il coinvolgimento dell’Automobile Club d’Italia nella gestione del Gran Premio a partire dal prossimo anno, inoltre, è stata decisa per un Gran Premio a Monza, non a Imola”.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 + due =