Formula Uno, Ferrari a caccia di Spa col rebus Alonso

Da domani le prove sul circuito belga. Lo spagnolo avrebbe chiesto 105 milioni per rinnovare il contratto

Fernando Alonso
Fernando Alonso

La Formula Uno torna dalla pausa estiva con due certezze: la prima è che il boss della F1, Bernie Ecclestone, ha risolto i problemi con la giustizia e tornerà a occuparsi a tempo pieno del circus, la seconda è che il rapporto tra la Ferrari e Fernando Alonso rimane incerto. Sono le due notizie che faranno discutere di più nel paddock da qui a fine stagione.

Archiviato il processo di Ecclestone

Ecclestone ha dovuto versare 100 milioni di dollari alla procura di Monaco di Baviera per archiviare il procedimento a suo carico con l’accusa di aver versato una tangente all’ex presidente di banca Bayern LB, Gerhard Gribkowsky, per ottenere le quote della Fom detenute dalla banca. Questo accordo permetterà a Ecclestone di rimanere ben saldo al timone del mondiale di Formula Uno e potrà ora concentrarsi sulle tematiche che interessano tutti gli appassionati: la questione legata al rinnovo dei contratti di Spa e Monza (a rischio a causa del calo degli investimenti) e soprattutto le nuove regole del circus per cercare di riequilibrare un campionato che altrimenti rischia di essere dominato a lungo dalla Mercedes.

Rebus Alonso

Il rinnovo del contratto di Fernando Alonso è l’altro tema controverso. Il pilota spagnolo, secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Bild, avrebbe chiesto un aumento a 105 milioni di euro per rinnovare il contratto in scadenza nel 2016. Il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, ha smentito categoricamente che ci siano problemi con i piloti (incerta anche la situazione di Raikkonen che potrebbe ritirarsi nel 2015) e ha dato la colpa al caldo estivo. In realtà i segnali che giungono dall’entourage dello spagnolo non parlano di una possibile rottura ma vogliono maggiori rassicurazioni sulla competitività della Ferrari il prossimo anno.

Alle porte il gp del Belgio

Intanto è già tempo di tornare in pista per il gran premio del Belgio, in quello che viene considerato dalla maggior parte dei piloti il circuito preferito del mondiale. Inutile aggiungere che le Mercedes partono favorite anche se Red Bull e Williams hanno annunciato nuove importanti modifiche alla vettura che potrebbero accorciare il divario dalle frecce d’argento.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]