Formula E: il debutto sabato 13 settembre a Pechino

Il nuovo Campionato Mondiale per auto elettriche partirà dalla Cina e si svolgerà nelle più belle metropoli del mondo

Auto di Formula E Renault
Auto di Formula E Renault

Addio rombo di motori rampanti. Addio pit stop per rifornimenti di benzina e cambio gomme. Addio vecchia Formula Uno. Da domani, il mondo dei motori, parlerà un linguaggio totalmente green. Quello della Formula E, nuova kermesse dedicata solo alle auto a propulsione elettrica.

Campionato Mondiale: come funzionerà

Il nuovo Campionato sarà organizzato in 10 Gran Premi cittadini. Le location saranno tutte le più affascinanti metropoli del mondo. Purtroppo non ci sarà l’Italia, ma, forse, potrebbe entrare in gioco a partire dal 2016. 10 saranno i team che si sfideranno su pista, ognuno con due auto e due piloti. I marchi più famosi presenti sono Renault e Audi mentre, tra i piloti, ritroveremo una vecchia conoscenza della F1, Jarno Trulli e un manager d’eccezione: Leonardo di Caprio, proprietario del team Venturi.

Il Campionato è stato voluto fortemente dalla FIA ( Federazione Internazionale dell’auto) per cercare di avvicinare le persone ai motori elettrici e per renderli più attraenti. Ideatore e sostenitore dell’evento l’attuale presidente FIA Jean Todt ( ex ad Ferrari) che da sempre porta avanti la sua battaglia sulla sostenibilità nel mondo delle auto. Altro personaggio importante della kermesse è il businessman spagnolo Alejandro Agog, che spera di attirare un pubblico di giovanissimi che ormai sembra stanco della F1.

Auto e gara

Le nuove auto elettriche che correranno su pista riusciranno a raggiungere i 270 Km/h, con accellerazioni da 0 a 100 in meno di tre secondi. Ogni corsa durerà 50 minuti, sarà quindi più corta di un circuito di F1. Altra differenza riguarda il pit stop. In questo campionato non vedremo cambi gomme ma cambi di auto. I piloti, infatti, si fermeranno e lasceranno la vettura scarica per una uguale ma con le batterie al massimo. A vincere sarà quindi il pilota che meglio saprà gestire la batteria.

Altro punto di differenza con la F1 sono i rumori del motore. Con i nuovi regolamenti ci sono state parecchie polemiche quest’anno. Nella Formula E, invece, non ci saranno problemi dal momento che il motore elettrico produce solo un debole fischio cupo.

Novità 2.0

Nell’era digitale non potevano mancare particolari accorgimenti social. Il primo si chiama “Fan Boost”. Si tratta di un pulsante che regala un premio di potenza per 5 secondi ai tre piloti che hanno ottenuto il maggior numero di “Mi piace” sui social network nei giorni precedenti alla gara. Ecco che un bravo pilota diventa ancor più bravo anche in funzione della relazione che riesce a creare col pubblico.

La seconda novità arriva direttamente dal circuito. O meglio. Dal contorno che fa parte di esso. Saranno infatti inseriti dei dj set in cui tutti potranno ballare e divertirsi in ogni momento. La Formula E si propone, con questa iniziativa, di creare un panorama sportivo originale per appassionati di motori e non.

Il countdown è cominciato. Preparate un drink, un abito casual e tanta voglia di divertirvi.

 

 

 

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]