Figlio di Michael Schumacher: la carriera di Mick, un vincente predestinato

Mick, il figlio di Michael Schumacher, pur avendo soli sedici anni sta dimostrando di avere grinta da vendere e sta ottenendo risultati importanti in Formula 4

Mick, il figlio di Michael Schumacher, sta dimostrando nella sua ancora breve carriera di avere ereditato tutto il talento del padre e inizia già a collezionare vittorie importanti.

IL GIOVANE TEDESCO TRIONFA IN F4 Schumacher jr., al rientro nell‘Italian F4 Championship powered by Abarth, torna a vincere conquistando la seconda delle tre gare disputate sul circuito di Imola. Ottenere questo risultato questa volta è stato tutt’altro che semplice: il tracciato, infatti, a causa della pioggia battente, è apparso particolarmente viscido e ha costretto diversi piloti al ritiro prima di tagliare il traguardo. Mick, che corre per il team italiano Prema, dopo essere partito dalla pole position si è imposto davanti all’italiano Diego Bertonelli. Schumacher aveva già ottenuto un ottimo secondo posto, preceduto dall’argentino Marcos Siebert, nella prima gara, disputata il sabato. La terza corsa è invece stata vinta dall’americano Juan Manuel Correa, primo anche nella speciale classifica degli esordienti.

IL MOTORE ABARTH SI DIMOSTRA AFFIDABILE – Le 33 monoposto Tatuus equipaggiate con il motore Abarth T-Jet da 160 CV hanno dato spettacolo sul tracciato di Imola, che ha ospitato nella stessa occasione il secondo appuntamento del Trofeo Abarth Selenia, con 21 piloti al via al volante delle Abarth 695 Assetto Corse Evoluzione e Abarth 595 OT. Alex Campani ha dominato entrambe le gare ed è sempre più saldamente al comando della classifica generale, nella quale precede lo svedese Joakim Darbom. Il prossimo appuntamento ell’Italian F4 Championship powered by Abarth è in programma al Mugello sabato 16 e domenica 17 luglio.

UN PARAGONE CHE PESA – Almeno per ora, però, il figlio di Michael Schumacher ha dimostrato di avere grande carattere e di non temere i paragoni che inevitabilmente ci saranno di fronte alla carriera ricca di successi del padre. In ogni gara che disputa, infatti, Mick ha gli occhi di tutti puntati addosso, ma sin dal suo debutto avvenuto lo scorso anno ha voluto far capire a tutti quanto sia innanzitutto concentrato sulla sua grande passione per le corse: Per me è stato tutto chiaro sin dall’inizio: mi interessano le corse. Partire con un anno di esperienza è sicuramente un vantaggio in Formula 4. Voglio dare il massimo, imparare a conoscere il team e le mie potenzialità”.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 4.5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

7 − 6 =