F1 Monza 2015 prove libere: i commenti dei piloti

Mercedes lanciatissima, Ferrari fra la speranza e la delusione: questi gli umori del paddock a Monza dopo la sessione di prove libere.

Non ci sono state sorprese nella sessione di prove libere che ha aperto ufficialmente il fine settimana di Monza ed il Gran premio d’Italia, dodicesima prova del Campionato del Mondo di Formula Uno. Le Mercedes hanno ancora dettato la legge del più forte e, almeno sulla prestazione singola sul giro, si sono dimostrate ancora inarrivabili per le Ferrari e per gli altri avversari che, a questo punto, per sovvertire i pronostici per la corsa alla pole di domani possono solo evocare la pioggia, unico elemento che potrebbe sparigliare un po’ le carte.

SODDISFAZIONE MERCEDES: HAMILTON IN GRAN SPOLVERO – Trapela ovvia soddisfazione nell’entourage della Mercedes, protagonista ancora una volta in pista. Certo, siamo solo al venerdì e ancora molto resta da scrivere nella storia dell’86° Gran Premio d’Italia, ma le sensazioni in casa delle Frecce d’Argento non possono che essere positive. Chiarissimo Hamilton, che fatica a celare la soddisfazione dietro ad una prudenza che appare più di facciata che altro: “Macchina perfetta, sessione pulita e senza problemi. Sarà una bella gara, Nico è molto vicino esattamente com’è stato. Io però sento le stesse sensazioni che avevo qui nel 2014, quando iniziai la mia rincorsa al Titolo Mondiale, ma questo non vuol dire che sarà facile”. Più guardingo Rosberg che ha semplicemente commentato la “sorpresa risguardo all’elevato scarto sulle Ferrari” che si aspettava meno marcato.

VETTEL FRA IL DELUSO E LO SPERANZOSO – Sebastian Vettel sognava forse una situazione diversa: la macchina non ha avuto problemi eppure è piuttosto lontana dalle Mercedes. “Non siamo dove vogliamo, ma possiamo migliorare. Le Mercedes sono un po’ lontane, ma si può lavorare per crescere: è stata una giornata produttiva e senza nessun problema alla macchina. Vedremo domani: la qualifica qui è molto importante anche se si può superare sui lunghi rettilinei”. Una speranza che fa da contraltare alla delusione di Kimi Raikkonen, sempre piuttosto lontano dal compagno di squadra: “non sono riuscito a fare nessun buon giro e non ho guidato bene, devo risolvere diversi piccoli problemi. Se sono sorpreso della supremazie Mercedes? No, vanno forte così da tutta la stagione.

GLI ALTRI: FIDUCIA ALLA FORCE INDIA, SCONFORTO RICCIARDO – Sebbene non abbiano ricevuto l’ultima evoluzione del motore Mercedes, i ”clienti” della casa di Stoccarda si preparano alle prove con deciso ottimismo. Nico Hulkenberg è piacevolmente sorpreso della sua vettura e punta decisamente ad insidiare le Ferrari. In casa Williams Valtteri Bottas e Felipe Massa sembrano più preoccupati di consolidare il proprio ingaggio per il 2016 elogiando la propria scuderia che a commentare una sessione di prova forse al di sotto delle attese. Anche in Lotus le traversie legali legate allo scottante caso-Pic sembrano essere state messe in secondo piano dalla prestazione del duo Grosjean-Maldonado. Stendendo un velo pietoso sulla Honda, scoramento traspare anche dalle parole di Daniel Ricciardo, secondo il quali la Red Bull “è tornata alle prestazioni scadenti dello scorso anno”. Indice puntato sulle prestazioni deficitarie del propulsore Renault.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 5 =