F1 gp Stati Uniti: rinunciano Marussia e Catheram, a Austin solo 18 vetture

Rivoluzionate le qualifiche (fuori 4 vetture in Q1 e Q2) per assicurare lo spettacolo. Lotta tra i due Mercedes per la conquista del titolo

La partenza del gran premio di Austin 2012
La partenza del gran premio di Austin 2012

Dopo tre settimane di sosta, la Formula Uno riparte per il rush finale che determinerà una volta per tutte chi sarà il campione del mondo 2014 tra Lewis Hamilton e Nico Rosberg. L’inglese, a tre gare dal termine, ha un vantaggio di 17 punti sul tedesco e può pensare a gestire e controllare la situazione, anche se matematicamente Rosberg con tre vittorie strapperebbe il titolo a Hamilton. Una gara per volta, Hamilton viene da un ottimo momento di forma (4 vittorie consecutive), culminato con il periodo peggiore del tedesco. Dal gp di Monza Hamilton ha messo 47 punti tra sé e Rosberg. Qua negli Stati Uniti cercherà una vittoria per allungare a 24 e poter accontentarsi di due secondi posti per festeggiare il titolo iridato.

La rinuncia di Marussia e Catheram

Il gran premio di Austin vedrà una novità rispetto alle altre gare del mondiale: le vetture presenti in pista saranno soltanto 18, a causa del forfait di Catheram e Marussia, entrambe alle prese con gravi problemi finanziari e che rischiano di scomparire dalla scena della Formula Uno. Nei giorni scorsi, in seguito alla rinuncia dei due team, si era fatta nuovamente avanti l’ipotesi che dal prossimo anno Mclaren, Red Bull e Ferrari possano dotarsi di una terza vettura, per raggiungere il numero legale di 20 auto in pista, come previsto dal contratto tra Bernie Ecclestone e i circuiti e le tv.

Rivista la formula delle qualifiche

Intanto domenica si correrà in 18 e le qualifiche verranno ripensate per assicurare lo spettacolo in tutti e tre i turni di qualifica: l’ipotesi più probabile è che si proceda all’eliminazione di 4 vetture sia nel Q1 che nel Q2 e di lasciare intatta la Q3 con 10 vetture in pista a giocarsi la pole position. La gara di Austin è relativamente recente (2012), visto che il gran premio degli Stati Uniti, in precedenza, si correva sul circuito di Indianapolis. Una vittoria a testa per Lewis Hamilton e Sebastian Vettel.

Leggi anche:

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 1 =