F1 gp Giappone: da Verstappen all’affaire Alonso, ecco i motivi per seguire il gran premio

Max Verstappen farà il suo esordio domani battendo il record assoluto di pilota più giovane con 17 anni e tre giorni. Ma potrebbe essere il weekend decisivo per il mercato piloti con Alonso, Vettel e (forse) Hamilton ancora in dubbio

Max Verstappen domani esordirà in Formula Uno a soli 17 anni
Max Verstappen domani esordirà in Formula Uno a soli 17 anni

Vedremo domani se Max Verstappen riuscirà a spostare i riflettori dall’affaire Alonso. Il gran premio del Giappone dovrebbe riservare i primi verdetti per quanto concerne il mercato piloti per la stagione 2015. Si corre a Suzuka e dal 2009, quando si tornò a gareggiare qui invece che sul tracciato delle Fiji, c’è stato il dominio di Sebastian Vettel e della Red Bull, eccezion fatta per il 2011 quando vinse Jenson Button su Mclaren. E proprio Vettel e Mclaren sono al centro del dibattito. Le loro strade si uniranno o il pilota tedesco sarà il successore di Fernando Alonso in Ferrari? La Honda, che dal prossimo anno sarà il fornitore esclusivo della componente motoristica della Mclaren, è la proprietaria del circuito e ci terrebbe tanto ad annunciare il prossimo top driver della scuderia inglese proprio in questo weekend giapponese.

Gli affari a catena: da Alonso a Vettel a Hamilton

Sarà sicuramente un campione del mondo, le ipotesi sono come già detto Vettel e Alonso. Hamilton dovrebbe rimanere in Mercedes salvo sorprese dell’ultim’ora. Proprio ieri il team principal della scuderia tedesca, Toto Wolff, ha annunciato che i piloti per il 2015 saranno “al 99%” i duellanti per il titolo piloti di quest’anno: Rosberg, che ha già rinnovato il contratto lo scorso marzo, e Hamilton. Quel punto percentuale che manca è dovuto proprio ai dubbi di Hamilton di non essere la prima guida in una scuderia tedesca con l’altro pilota tedesco: gli ultimi problemi di affidabilità di Rosberg e la prima posizione nella classifica piloti potrebbero aver spazzato via tutti i dubbi. Per quanto riguarda Alonso le posizioni sono rimaste quelle di una settimana fa: lo spagnolo vuole garanzie e vuole essere ascoltato di più nel team. La Ferrari, dal canto suo, non ritiene nessuno indispensabile e non può garantire una macchina all’altezza prima di 2-3 anni. Un impasse che potrebbe portare alla rottura consensuale per permettere al Cavallino rampante di annunciare l’ingaggio di Vettel e contemporaneamente ad Alonso di passare alla Mclaren. Il tedesco non si trova bene con questa Red Bull e non ne può più della motorizzazione Renault, che ha criticato anche apertamente in passato. Secondo il team principal della Red Bull, Christian Horner, Vettel rimarrà in Red Bull anche il prossimo anno, ma il sorpasso nelle prestazioni da parte di Daniel Ricciardo non è stato digerito bene da Vettel.

Perché seguire il gp del Giappone

Per quanto riguarda invece la gara ci sarà emozione per vedere domani l’esordio di Verstappen alla guida della Toro Rosso nelle sessioni di prove libere. Un piccolo assaggio di Formula Uno in vista dell’ingaggio come pilota ufficiale il prossimo anno. Con 17 anni e 3 giorni batterà il record assoluto di pilota più giovane strappandolo ad un certo Sebastian Vettel (che esordì a 19 anni con la Sauber). Le forze in gara non dovrebbero cambiare: i due Mercedes si daranno battaglia per conquistare punti in classifica l’uno sull’altro (sono separati da 3 punti) e partono come favoriti. Dietro ci sono Red Bull e Ferrari che cercherà di togliere punti alla Williams per il terzo posto nella classifica costruttori.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]