Opel: nuova campagna per la sicurezza dei bimbi in auto

Arriva " Conta fino a cinque", per sensibilizzare gli adulti ad un modo corretto di trasportare i più piccoli

“Conta fino a 5” è il nuovo progetto ideato da Opel rivolto a tutti i genitori che ogni giorno trasportano i bimbi in auto. Perché centrale, sempre di più, è il tema della sicurezza stradale per i più piccoli.

Progetto Opel

La casa automobilistica ha creato un workshop che approfondisce queste tematiche insieme all’Automobile Club d’Italia, all’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze e a tante mamme blogger italiane.

Obiettivo: sensibilizzare l’opinione pubblica su un argomento molto delicato di cui, troppo spesso, poco si parla.

I punti chiave da non dimenticare per la sicurezza dei piccoli che viaggiano in macchina sono:

  • Installare correttamente il seggiolino
  • Utilizzarlo sempre, anche per tragitti brevi
  • Allacciare le cinture
  • Non lasciare oggetti sul piano posteriore
  • Non distrarsi al volante con cellulari

Sembrano attenzioni banali e scontate ma per chi è sempre di corsa e stressato dal lavoro non bisogna dare nulla per scontato.

Attenzione particolare va posta anche quando il bambino non è all’interno dell’auto ma fuori. Bisogna evitare la così detta “bye bye syndrome”, cioè il non accorgersi del piccolo che potrebbe giocare dietro o a fianco alla vettura. La disattenzione potrebbe portare ad investirlo al momento della partenza o durante la retromarcia.

Dati ACI

Dalle statistiche risulta che siano i percorsi brevi quelli ritenuti più pericolosi. Proprio su questi sono concentrati il 75% degli incidenti. Dato ancor più grave se si considera che il 40% degli scontri mortali si verifica su tratte inferiori a 3 km. Ma il dato più preoccupante è che, secondo l’ACI, sei bimbi su dieci, quando sono in macchina, non stanno sull’apposito seggiolino.

Una statistica che deve far pensare a soluzioni che possano prevenire il problema. Opel ha lanciato un modo semplice ed efficace per affrontarlo. Speriamo che non sia l’unica e che anche altre case di auto facciano lo stesso.

Leggi anche:

 

 

 

 

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × tre =