Volvo acquista Polestar: tutti i dettagli

La decisione di Volvo di acquisire al 100% l'azienda Polestar conferma la scelta della casa svedese di dare una maggiore personalizzazione sportiva a tutti i suoi modelli.

Volvo ha annunciato l’acquisizione totale di Polestar, la casa svedese che si occupa di autotuning, che dal 1996 già collabora con la casa di Göteborg per la personalizzazione in chiave sportiva di alcuni modelli, le  Polestar appunto, rese più accativanti dagli allestimenti speciali simili ad alcune auto da competizione. Un esempio della riuscita collaborazione tra i due marchi sono state le Volvo S60 e V60 Polestar che hanno favorevolmente colpito per la linea più aggressiva e il potente motore da 3.0 litri turbo benzina e sei cilindri con 350 CV di potenza.

DIFFERENZIAZIONE – Con questa acquisizione, la Volvo ha deciso di dare una spinta maggiore in chiave sportiva ai suoi modelli, con la volontà di allargare la propria gamma sportiva non sono limitandola alle Polestar di S60 e V60, ma aggiungendo anche altri esemplari in listino. La scelta della casa svedese non considera tra i principali obiettivi quello di allargare i propri volumi di vendita, visto il costo non indifferente della gamma molto potente e esclusiva, anche l’obiettivo è di portare la vendita annua di modelli Polestar a 1500 esemplari. La considerazione della casa svedese è, invece ,soprattutto quella di interpretare Polestar come un’opportunità di differenziazione del marchio, da sempre considerato simbolo di affidabilità e sicurezza e ora con la possibilità di poter acquisire un maggiore brio, dato dalle caratteristiche sicuramente accattivanti dei modelli customizzati.

IBRIDE PLUG IN – Il progetto futuro è quello di puntare soprattutto sulle ibride plug-in e affiancare la potenza e lo stile sportivo con la propulsione a zero emissioni della tecnologia ibrida TwinEngine già disponibile con la XC90 T8 TwinEngine, che monta un powertrain 2.0 con quattro cilindri, compressore volumetrico e turbo e due motori elettrici capaci di erogare una potenza totale di 407 CV e 640 Nm. L’obiettivo è di aumentare la potenza di queste auto senza intaccare i consumi e  l’efficienza energetica.

Dall’accordo di acquisizione non è stato invece inclusa la divisione corse della Polestar che continuerà a essere diretta da Christian Dahl.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

9 − tre =