Mercato auto, tornano ad aumentare i prestiti per l’usato

Positivo il primo trimestre 2014 nelle erogazioni di finanziamenti per l’acquisto di una automobile. Nel 2013 il calo era stato del 6,6%

Aumentano i prestiti per le auto usate
Aumentano i prestiti per le auto usate

Nel primo semestre 2014 il mercato dell’auto ha dato i primi segnali di ripresa che non si vedevano almeno dal 2008. In questi ultimi anni gli italiani hanno scelto di puntare sull’usato piuttosto che sul nuovo. Adesso sono soprattutto le aziende e gli autonoleggi a spingere verso l’alto le nuove immatricolazioni, mentre le famiglie continuano a preferire l’usato, meno costoso e gonfiato dall’utilizzo delle auto a chilometri zero da parte delle concessionarie (seppur in calo rispetto ai dati del 2013).

Questo andamento si riscontra nelle immatricolazioni e nei passaggi di proprietà ma anche (e soprattutto) nei prestiti. Se nel 2013 i finanziamenti per l’acquisto di automobili hanno chiuso il 2013 con una riduzione dei flussi (-6.6%), nel primo trimestre di quest’anno le erogazioni sono tornate a crescere (+2,1%) interrompendo una serie negativa che durava dal secondo trimestre del 2010, grazie sì all’evoluzione positiva dei prestiti per il nuovo, ma in particolar modo per la crescita dei finanziamenti per l’acquisto di auto usate.

A tutelare maggiormente i cittadini ci ha pensato una direttiva europea, di recente assorbita dall’ordinamento italiano, che garantisce una maggiore tutela per gli acquirenti di auto usate e nuove. Le concessionarie saranno tenute a fornire maggiori informazioni in sede precontrattuale: le caratteristiche essenziali del veicolo, le dotazioni, gli eventuali limiti nel suo utilizzo e, nel caso di veicoli usati, le conseguenze dell’uso pregresso devono essere note al consumatore come condizione imperativa perché il contratto sia vincolante. La norma non riguarda le trattative tra privati.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]