Domenica 12 aprile 2015 torna per la Formula 1 una gara “normale”, senza scossoni strategici e senza episodi particolari tanto da modificarne il tranquillo andamento e torna alla vittoria Lewis Hamilton con la sua Mercedes.

Il Campione del Mondo in carica ha regolato senza troppi affanni il compagno di squadra Nico Rosberg, che quest’anno sembra pagare più dello scorso anno la vicinanza con il fortissimo compagno di squadra, tanto da risultarne nelle prime tre uscite stagionali, costantemente dietro.

Ma se la situazione ha ribadito la attuale superiorità tecnica del duo Hamilton-Mercedes, il terzo e quarto posto delle Ferrari di Vettel e Raikkonen sono tutt’altro che un segnale negativo.

Infatti, proprio la “normalità” della gara testimonia l’effettivo e concreto passo avanti del Cavallino, con Vettel che ha tenuto il passo-gara delle Frecce d’Argento per buona parte della corsa e le Williams che sono state comodamente e facilmente battute.

Ora la Ferrari è stabilmente la seconda forza del Mondiale – ricordate lo scorso anno? – e la rincorsa alla Mercedes continua con una progressione ed una rapidità non preventivabili. Il futuro, dunque è roseo. Il GP di Cina ha confermato le forze in campo: Mercedes, Ferrari e Williams sono stabilmente, le tre migliori, mentre dietro la Lotus potrebbe avere qualcosa più delle altre grazia al motore Mercedes – senza i problemi ai freni di Maldonado avrebbe chiuso settima ed ottava.

Dietro un gruppo folto ed equilibrato dove Toro Rosso, Sauber o Red Bull di tanto in tanto possono prevalere sulle altre.

Le distanze fra i migliori e il “centro gruppo” sono, in ogni caso, sono aumentate decisamente. Vedremo se anche nel prossimo appuntamento in Bahrein, il prossimo 19 aprile, la situazione sarà confermata.

 

Photo Credit: “Lewis Hamilton 2014 China Race” di emperornieFlickr: Mercedes, Lewis. Con licenza CC BY-SA 2.0 tramite Wikimedia Commons.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 1 =