F1 Gran Premio del Canada: Hamilton torna a vincere senza patemi

Vittoria “comoda” della Mercedes e week-end difficile per la Ferrari con Vettel penalizzato in prova da un guasto e quinto in rimonta e Raikkonen protagonista di un errore che gli costa il terzo posto.

Si potrebbe dire: tutto tornato alla normalità. Primo dato di fatto: le Mercedes dominano incontrastate anche sull’insidioso tracciato di Montreal lasciando agli avversari, Ferrari compresa, solo le briciole. Secondo dato di fatto: Lewis Hamilton dopo il “fattaccio” di Monaco, è tornato apparentemente con la stessa concentrazione e con una determinazione forse addirittura aumentata rispetto a prima tenendo a bada senza troppi patemi il compagno di squadra Nico Rosberg.

E così il mondiale di Formula Uno prosegue anche in Canada senza scossoni e lungo i binari che già aveva imboccato da tempo, quello di essere una sorta di Monomarca Mercedes. Lo spettacolo? Poco, e quel poco lo hanno dato Sebastian Vettel e Felipe Massa costretti a partire nelle retrovie a causa di diverse traversie durante i giorni di prova e risaliti fino al quinto e sesto posto dopo un buon numero di sorpassi.

Ma, per la Formula Uno, è ancora troppo poco.

E poco anche per la Ferrari dove Kimi Raikkonen autore di un errore piuttosto marchiano nel tornante più lento di tutta la pista, ha regalato il terzo gradino del podio al connazionale Valtteri Bottas, mandando su tutte le furie il suo team principal Maurizio Arrivabene. Al di là dell’errore del pilota tuttavia, la sensazione poco positiva in casa Ferrari è dovuta al gap con le Frecce d’Argento che, nonostante il rilascio di una nuova versione più potente del motore, è apparso pressoché inalterato rispetto alle gare precedenti. Un fatto che ha generato una certa delusione nell’ambiente della Rossa che la topica di Raikkonen ha contribuito ad acuire.

Non è però più tempo di accontentarsi di un terzo posto che non avrebbe cambiato la sostanza della situazione.

Insomma, la sensazione diffusa nel circus è che solo un autogol tedesco – stile Sepang o Monaco – possa mettere in discussione la superiorità del duo Hamilton-Rosberg su qualunque tipo di pista.Una prospettiva non particolarmente allettante né per i tifosi italiani né per lo spettacolo.

In conclusione, una menzione per le due Lotus, finalmente entrambe a punti e senza problemi tecnici con Maldonado settimo alla miglior prestazione stagionale, e per Danil Kvyat che, dopo un inizio di stagione complicato, ha messo nuovamente dietro il compagno di squadra Daniel Ricciardo, vincitore lo scorso anno, finendo nono. Ed ora appuntamento nello spettacolare scenario di Zeltweg, in Austria, dove la Ferrari è chiamata ad un riscatto che sorprenda tifosi ed avversari.

 

Photo Credit: F1 Fanatic

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici + 18 =