CES 2016: a Las Vegas protagonista l’auto del futuro

Modelli futuristici e funzionalità innovative i temi trattati

L’auto del futuro si prospetta più straordinaria che mai in base alle idee proposte al CES – Consumer Electronic Show – di Las Vegas.

VERSIONI SBALORDITIVE – Prima categoria da raccontare sono le concept car, modelli soprattutto focalizzati nel porre ben in evidenza le tecnologie momentaneamente a disposizione delle case produttrici. Faraday Future, azienda californiana, scommette sulla sua FFZERO1, un autentico siluro dal motore elettrico mille cavalli e in grado di raggiungere 100 chilometri orari in 3 secondi.Numeri sbalorditivi che si accompagnano agli avanzati sistemi di controllo – possibile inserire lo smartphone al centro del volante – e sicurezza, volti a impreziosire un modello già affascinante col design modulare, utile, secondo quanto dichiarato, nel creare versioni ‘green’ a costi ridotti e adatte a ogni situazione. La Spyder i8 rappresenta invece l’altra proposta, targata BMW, allestita di innovativo cruscotto e schermo da 21’’ controllabile attraverso gesti, senza necessità di schiacciare pulsanti o interagire insieme al display.

QUANTA TECNOLOGIA – Le auto che sanno guidarsi da sole rientrano fra gli obiettivi principali dell’industria e a tal proposito Nvidia sfoggia il Drive PX2, supercomputer 12 core pronto a svolgere milioni di operazioni al secondo, processare segnali di 12 videocamere, radar e sensori vario genere, mentre ostacoli, inclusi veicoli, vengono riconosciuti, anche in condizioni difficili, mediante il deep learning.

APPLICAZIONI ASSAI PREZIOSE – E’ ormai risaputo che gli smartphone sanno rivelarsi un’ottima risorsa per i guidatori e qui entra in scena la Ford, lieta di annunciare varie novità e collaborazioni, inclusa Alex, assistente vocale Amazon attraverso cui controllare le funzioni auto e i dispositivi della casa connessa. Altra possibilità riguarda la nascita di campioni a quattro ruote pronti a lanciare e controllare droni, impiegabili nelle emergenze umanitarie, grazie alla partnership con l’azienda leader DJI. La Hyundai punta invece la propria attenzione sull’utilizzo dei moderni telefoni per inquadrare la propria vettura ed essere guidati nelle procedure di riparazione più semplici, senza ricorrere al meccanico.

CHIUSURA IN BELLEZZA – Ospite pure la Microsoft, chiamata a esibire i vari utilizzi legate alle rispettive applicazioni quali il controllo di una Volvo mediante lo smart band 2 fino all’integrato Office 365 (e Cortana) nei sistemi infotainment Harman, che vanta tra i suoi clienti Audi, BMW, Jeep, Mercedes, Harley-Davidson e Toyota.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 4 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 3 =