Skoda Octavia Scout: la vettura tuttofare diventa più tecnologica e versatile

La vettura è dotata serie di trazione integrale 4x4 ed è in grado di viaggiare anche sui terreni più difficili

La gamma Octavia si arricchisce con la nuova Skoda Octavia Scout, dotata di serie di trazione integrale 4×4, basata su una frizione a dischi multipli a controllo elettronico.

Skoda Octavia Scout – Un modello adatto per ogni esigenza

La nuova Skoda Octavia Scout è pensata per viaggiare anche in condizioni di strada non eccezionali. E’ infatti dotata di trazione integrale 4×4 di serie: questo la rende adatta anche per lo stile “offroad”.

Il frontale del veicolo è caratterizzato da cofano bombato, calandra più ampia e gruppi ottici in design cristallino, proposti in tecnologia full LED con funzione AFS. Anche i gruppi ottici posteriori hanno tecnologia LED.

Il carattere “avventuroso” è immediatamente riconoscibile grazie alle protezioni sottoscocca in color argento. Le ritroviamo nei paraurti anteriore e posteriore. Ulteriori protezioni in plastica proteggono i freni e le tubazioni del carburante dagli urti tipici della guida in fuoristrada.

Skoda Octavia Scout – Interni e accessori disponibili

Oltre alla versatilità, questo modello Skoda si caratterizza anche per l’abbondante spazio a disposizione dei passeggeri. Non manca nemmeno l’ergonomia, unita a un’ottima guidabilità.

Tra le soluzioni “Simply Clever” ci sono la corona del volante riscaldata e i sedili dotati di funzione “Thermo-Flux”. Questo consente di migliorare la traspirabilità e quindi il comfort di seduta in ogni condizione.

Ampio è anche il vano bagagli, con una capacità che va da 610 a 1.740 litri. Ampia è anche la larghezza del veicolo (ben 1.010 mm), che consente di caricare colli ingombranti. Il messo è adatto anche per ogni tipo di spostamento grazie ai numerosi portaoggetti presenti. La capacità di traino sfiora le due tonnellate, in relazione alla motorizzazione prescelta.

Skoda Octavia Scout – Le motorizzazioni disponibili

Skoda Octavia Scout è sviluppata sulla base di Octavia Wagon. La novità principale per quanto riguarda le motorizzazioni è il 2.0 TDI 150 CV in abbinamento al cambio automatico DSG.

In ambito internazionale sono disponibili tre diverse motorizzazioni:

  • 1.8 TSI 180 CV: velocità massima 216 km/h, 0-100 km/h in 7,8 secondi –consumo nel ciclo combinato di 6,8 l/100 km (CO2 158 g/km);
  • 2.0 TDI 150 CV: velocità massima 207 km/h, 0-100 km/h in 9,1 secondi – consumo nel ciclo combinato di 5 l/100 km (CO2 130 g/km);
  • 2.0 TDI 184 CV: velocità massima 219 km/h, 0-100 km/h in 7,8 secondi – consumo nel ciclo combinato di 5,1 l/100 km (CO2 133 g/km).

Infotainment per migliorare l’esperienza di viaggio

Chi acquista questa vettura può contare su numerosi sistemi di infotainment, ormai ritenuti fondamentali per rendere migliore l’esperienza a bordo. Il sistema top di gamma Columbus sfrutta un monitor da 9,2” ed è dotato di connessione LTE. E’ così possibile navigare in mobilità grazie alla presenza dell’hotpspot Wi-Fi integrato.

Non mancano nemmeno gli ormai noti sistemi Skoda Connect: ogni automobilista può quindi ricevere in tempo reale informazioni e assistenza in ogni condizione di guida. E’ possibile agire anche attraverso il proprio smartphone o con il computer di casa.

I sistemi di assistenza alla guida

Sono sempre più numerosi i modelli che puntano a rendere il più possibile elevata la sicurezza di guidatore e passeggeri. Questa esigenza può essere soddisfatta grazie ai diversi sistemi di assistenza alla guida. Tra questi, ci sono il Trailer Assist e il sistema Blind Spot Detect, in grado di monitorare l’angolo cieco in fase di sorpasso. Utile è anche il Rear Traffic Alert, da utilizzare per verificare eventuali rischi di collisione in fase di retromarcia.

Innovativa è la funzione Crew Protect Assist, che chiude tettuccio e finestrini, oltre a tendere le cinture nell’imminenza di un impatto. Questa opzione in sinergia con il Front Assist ampliato, che include la frenata automatica di emergenza e il riconoscimento dei pedoni. Chi non è particolarmente bravo nei parcheggi può inoltre contare su sistemi di supporto migliorati rispetto al passato.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici + tredici =