Nuova Alfa Romeo Giulia: le nostre impressioni al suo debutto

Piena di personalità, si dimostra brillante la tenuta di strada

L’Alfa Romeo Giulia assume peso rilevante nelle strategie del Biscione, primo modello in una nuova era che i produttori sperano possa essere particolarmente fortunata. Provata sulla pista di Balocco vi raccontiamo com’è andata.

EMOZIONI ALLA GUIDA – Scesi in pista con la Super 2.2 Diesel da 180 CV, al debutto assieme al top di gamma Quadrifoglio 510 CV, le performance appaiono eccellenti. 380 Nm con cambio manuale a 6 marce o 450 Nm con l’automatico a 8 rapporti, lo stile sportivo emerge, pur dal consumo medio di soli 4,2 l/100 km e anidride carbonica pari a 109 g/km. I tre programmi di funzionamento Dynamic, Natural e Advanced Efficiency permettono la regolazione della vettura a seconda delle proprie preferenze. Esclusa invece la Race, peculiarità della Quadrifoglio che rende il mezzo più dinamico. Già la Dynamic convince però, dato che la combinazione tra assetto rigido, risposta del pedale dell’acceleratore e sterzo diretto la fanno quasi apparire un modello da competizione.

LA TECNOLOGIA E QUANTO COSTA – L’unità 4 cilindri è il primo motore Diesel del brand costruito interamente in alluminio. Un’innovazione così come l’Integrated Brake System (IBS), un sistema elettromeccanico che combina il controllo di stabilità con il tradizionale servofreno volto ad assicurare una distanza di arresto record: da 100 km/h a 0 in 38,5 metri per Giulia e in 32 metri per la versione Quadrifoglio. Maggiore reattività resa possibile anche dalla geometria variabile ad attuazione elettrica. Preposto a fornire maggiori livelli di comfort il contralbero di equilibratura. Avanzato il Forward Collision Warning (FCW), capace di rilevare mediante sensore radar e telecamera eventuali ostacoli o veicoli presenti sulla traiettoria, avvisare del rischio di collisione ed azionare, se necessario, il sistema AEB. Altrettanto valido l’Autonomous Emergency Brake (AEB), provvisto di riconoscimento pedone. Entro l’autunno arriveranno la versione “eco” del 2.2 diesel, sempre da 180 cavalli, ma con emissioni di 99 g/km di CO2, e un 2.0 benzina da 200 CV, seguita dalla vettura con trazione integrale. Fissato per sabato 28 e domenica 29 maggio il porte aperte, i prezzi di Alfa Romeo Giulia partono da 35.500 euro.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 4.3]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

17 − 5 =