Nuova Alfa Romeo Giulia 2016: consegnate le prime sei auto

Entusiasmante la cerimonia, occasione anche per festeggiare le prestigiose cinque stelle Euro NCAP

Nella giornata di ieri, in Italia, sono state date le prime sei vetture della nuova Alfa Romeo Giulia, simbolo dell’eccellenza 100% Made in Italy. Un momento storico per le concessionarie Alfa Romeo e per i primi sei proprietari. Una volta saliti a bordo, hanno messo in moto ed hanno provato la prima coinvolgente ed emozionante esperienza di guida.

CELEBRAZIONE – Nello show room del Motor Village di Arese (Mi) è stata consegnata una nuova Alfa Romeo Giulia Super 2.2 Diesel 180 CV di colore Blu Montecarlo; presso la concessionaria Tamburini di Arezzo una Giulia Super 2.2 Diesel 180 CV di colore Grigio Vesuvio; negli show room Bossoni di Porto Mantovano (Mn), Marchi Auto di Perugia, Millenia di Bari e SCAR di Ragusa, sono state consegnate 4 Giulia  Super 2.2 Diesel 150 CV di colore Grigio Vesuvio, Nero Vulcano e Bianco Alfa.

RICONOSCIMENTO – La cerimonia di consegna delle prime Giulia è stata anche l’occasione per festeggiare l’ultimo importante riconoscimento: le prestigiose cinque stelle Euro NCAP con il risultato del 98% nella protezione degli occupanti adulti. Si tratta del punteggio più alto mai conseguito da una vettura, pur considerando il più severo sistema di valutazione introdotto nel 2015. La gamma, che parte da 35.500 euro, si declina in cinque allestimenti: Giulia, Super, Quadrifoglio e due allestimenti Business e Business Sport dedicati al mondo aziendale.

QUALITÀ IMPONENTI – Un modello che, oltre ad essere caratterizzato dalla trazione posteriore, vede il debutto di una nuova generazione di propulsori: 2.2 Diesel da 150 CV e da 180 CV con cambio manuale a 6 marce, oppure automatico a 8 marce oltre al 2.9 V6 Biturbo benzina da 510 CV. La posizione longitudinale del motore è un elemento caratterizzante per il raggiungimento di queste eccellenze. Inoltre il 2.2 è il primo motore Diesel della storia di Alfa Romeo costruito interamente in alluminio, caratterizzato dal sistema d’iniezione di ultima generazione MultiJet II con Injection Rate Shaping (IRS) e dal turbocompressore a geometria variabile ad attuazione elettrica che rappresenta lo stato dell’arte della meccanica.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 5 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 + 18 =