Plug-in Hybrid e Kia Motors diventano finalmente una cosa sola: la nuova berlina Optima è infatti pronta a debuttare sui principali mercati globali (a partire dalla seconda metà del 2016) con nuove tecnologie di propulsione che consentono di migliorare ulteriormente l’esperienza automobilistica degli utenti Kia.

KIA OPTIMA PHEV, LE CARATTERISTICHE TECNICHE – La casa sud-coreana sperimenta per la prima volta l’innovativo sistema PHEV con batterie litio-polimeri della capacità complessiva di 9.8 kWh e motore da 50 kW (42% più potente dell’attuale) per garantire alla vettura maggiore autonomia anche in modalità elettrico-puro. Il propulsore termico della nuova Optima PHEV, nello specifico, è un quattro cilindri 2000 GDI (Gasoline Direct Injection) che permette alla Kia di erogare ben 156 cv di potenza e 189 Nm di coppia massima, aumentati con l’aggiunta di un motore elettrico che consente a Optima di viaggiare a 205 cv e disporre di un’eccezionale prontezza di risposta in accelerazione. Per quanto riguarda la trasmissione, il sistema è composto da un cambio automatico a sei marce con unità elettrica posta in sostituzione del convertitore di coppia del tradizionale cambio automatico. Quanto consuma la nuova Kia Optima? Un litro ogni 42 km in media, in modalità di ricarica si prevede invece un tragitto di 17 km: tuttavia, è bene tenere a mente che le batterie di bordo possono essere ricaricate in meno di tre ore con una colonnina di presa Type2 a 240 volt.

EQUIPAGGIAMENTI PRINCIPALI E MISSIONE KIA – Optima PHEV è facilmente riconoscibile grazie alla presa di ricarica posta nel parafango anteriore, profili cromati sui battitacco, cerchi specifici, badge “EcoPlug-in”, cruscotto intelligente, design moderno, ampio spazio, praticità d’uso, sicurezza e tecnologia legata all’infotainment. Basse emissioni sono previste dall’azienda nei prossimi cinque anni, quando l’attuale gamma di quatto modelli “verdi” sarà pronta a raggiungere quota 11: tra le strategie in fase di avvio (per ridurre le emissioni) figura lo sviluppo di diversi sistemi di propulsione per veicoli pronti a divenire ibridi, ibridi plug-in, totalmente elettrici ed elettrici con combinazione a idrogeno. Per le batterie litio-polimeri di Optima infine, è invece previsto un ulteriore sviluppo e dotazione ampliata anche per altri modelli.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 6 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

otto + nove =