Apple Car: sarà pronta nel 2019

Lo rivela il Wall Street Journal citando fonti vicine all'azienda di Cupertino. Sarebbe stato individuato anche il partner per la produzione della cosiddetta iCar: la BMW.

Negli USA tiene banca ancora il caso Volkswagen, ma proprio in queste ore sta circolando una news destinata a scuotere il mondo dell’automobile: non solo l’Apple Car si farà, ma arriverà sulle strade entro e non oltre il 2019.

APPLE CERCA GENI DELLA MECCANICA – I rumors circolanti in questi giorni, ai quali noi di AutoToday abbiamo dedicato ampio spazio, hanno trovato conferma sulle pagine del Wall Street Journal che cita fonti molto vicine all’azienda di Cupertino. Apple avrebbe già iniziato le selezioni per assumere nuovo personale, specialmente ingegneri meccanici e designer specializzati nel settore automotive. L’obiettivo è immettere nel Project Titan, questo il nome in codice dell’Apple Car, 1.200 nuovi dipendenti, triplicando di fatto il numero di persone che attualmente stanno lavorando a questo nuovo modello di automobile. Il Wall Street Journal lancia, inoltre, altre rivelazione sulla futura auto elettrica della Mela. La più interessante riguarda il sistema di guida della Apple Car: la vettura non sarà driverless come riportato in molte testate giornalistiche, ma si tratterà comunque di un’auto altamente automatizzata, senza per questo togliere il pieno controllo al pilota.

UNA POSSIBILE PARTNERSHIP CON BMW? – Confermate le indiscrezioni circa l’acquisto da parte di Apple di un terreno di 43 acri (174.000 metri quadri) a San José, città che dista solo 20 km da Cupertino, storica sede della Mela. Proprio in quest’area saranno ospitate le 1.800 persone chiamate a lavorare al Project Titan. Il Wall Street Journal, inoltre, dichiara che sono tornate a salire le quotazioni di BMW come partner di Cupertino per la costruzione dell’Apple Car. L’azienda che fu di Steve Jobs è da tempo alla ricerca di una casa automobilistica con cui collaborare per realizzare la cosiddetta iCar. BMW era stato per molti mesi il nome più gettonato, ma sembrava aver perso appeal agli occhi di Tim Cook, CEO di Apple, mentre avevano iniziato a guadagnare credibilità Dodge (FCA) e Ford. Al Salone di Francoforte, però, Harald Kruger, CEO di BMW, ha spiazzato tutti con le sue dichiarazioni. Il numero uno dell’Elica ha sottolineato quante affinità ci siano tra i prodotti BMW e Apple, dimostrandosi molto interessato a collaborare con qualsiasi azienda digitale che abbia idee interessanti nel settore automotive. Tim Cook, come rivelato dalla Reuters, si è recato a Lipsia nelle scorse settimane. Proprio in questa città tedesca è prodotta la BMW i3, vettura che potrebbe essere presa come modello per lo sviluppo della Apple Car, accelerando il processo produttivo e portando l’auto della Mela sulle nostre strade nel 2019.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 + sei =