Bentley

E’ stata fondata il 18 gennaio 1919 da W.O. Bentley insieme al fratello Horace la lussuosa casa Bentley, il cui primo modello debutta l’anno successivo alla fondazione della Casa, nel 1920, un’auto con la Flying B sul cofano.

La vera e propria produzione industriale di auto firmate Bentley, però, inizia nel 1921, quando la produzione viene spostata da Londra a Cricklewood: nel 1923 la Bentley partecipa alla 24 Ore di Le Mans con il team Bentley Boys, che si aggiudica il quarto posto; l’anno successivo il Bentley Boy Woolf Barnato si aggiudica la vittoria della competizione e i primi posti a Le Mans vengono ripetutamente conquistati dalla Casa dal 1927 al 1930. Ma le troppe risorse finanziarie impiegate per le partecipazioni della Bentley alla 24 Ore di Le Mans iniziano a minare la sua solidità, che viene rinsaldata da Barney Barnato, padre del pilota Woolf, che nel 1925 ne acquista quasi tutte le quote. Allo stesso tempo iniziano i primi screzi tra il nuovo azionista e il fondatore Walter Owen Bentley.

I problemi economici, acuiti dalla grande crisi del ’29, portano nel 1931 la Bentley ad essere ipotecata e acquistata dalla rivale Rolls-Royce, gruppo di cui farà parte per quasi 70 anni. I primi modelli degni di nota costruiti dalla Casa sono la T1 del 1952, prima Bentley con telaio monoscocca, e la S3 del 1962. Nel 1980 viene lanciata la Mulsanne che arriva anche in versione Turbo nel 1982 e Turbo R nel 1985.

Dopo la produzione di diversi modelli che non hanno conquistato grande successo, nel 1998 la svolta: Bentley è acquistata dal Gruppo Volkswagen, mentre Rolls-Royce diventa di proprietà della Bmw.

Modelli Bentley

Nel 2003 viene lanciata la sportiva Continental GT, prima vettura progettata sotto la supervisione tedesca, e arriva un’altra vittoria alla 24 Ore di Le Mans grazie alla Speed 8. Da allora è stata nuova sequenza di successi per la Casa automobilistica che ha in serbo per il 2016 una vera e propria rivoluzione con il primo suv del marchio Bentayga.