La praticità dell’automobile ha pochi eguali, peccato per le spese da sostenere. Vi offriamo qualche consiglio su come risparmiare il consumo di benzina.

LEGGEREZZA

Ricordiamoci innanzitutto di non appesantire troppo l’automobile. Secondo le leggi della fisica, un corpo che pesa di meno è più facile da spostare. La minor difficoltà nel muoversi comporta anche una ridotta spesa di carburante. Prima di partire conviene sempre controllare che non vi siano montati i portasci o i portabagagli sul tetto. Questi due oggetti peggiorano l’aerodinamica, richiedendo maggiori sforzi al veicolo.

NO A SGOMMATE

Lo stile di guida deve essere molto calmo e pacato. Dimostrato infatti che da un approccio tranquillo in pista deriva un risparmio pari al 10% di carburante rispetto a una guida troppo brusca e nervosa. Al fine di consumare meno benzina bisogna anche evitare di viaggiare con i finestrini aperti. L’aria che entra nel veicolo influisce negativamente sull’aerodinamica dello stesso, comportando superiori dispendi di energia. Altrettanto vantaggioso sul piano economico fare rifornimento presso le pompe bianche o i self-service. I loro prezzi sono infatti tendenzialmente bassi. Meglio spegnere il motore quando si sta fermi ad aspettare qualcuno. Evitati in tal modo inutili costi e a risentirne positivamente sarà inoltre l’ecosistema.

DRITTE FINALI

Altra accortezza: impiegare l’olio a bassa viscosità, capace di inserirsi velocemente nel circolo, facendo sì che il motore entri nel regime prima.  Il rifornimento andrebbe fatto esclusivamente a temperatura atmosferica non molto alta, poiché altrimenti aumenta la densità dei fluidi. La lancetta della macchina che indica la quantità di benzina dovrebbe superare la metà con la presenza di meno aria nel serbatoio consona a far evaporare meno carburante.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 − 1 =