Quanto consuma un’auto a metano: pro e contro

Una stima di pregi e difetti del metano rispetto alle alimentazioni tradizionali

10 auto più vendute in Italia ad agosto 2015
La Fiat Panda resta, anche ad agosto, la vettura più venduta in Italia.

Trattando la materia del consumo di carburante di un’auto, molto spesso il termine “consumo” viene associato con “risparmio” e, viceversa, parlando di risparmio è comune pensare ad un minor dispendio di combustibile. Tuttavia non sempre è così: si può avere un risparmio al distributore pur possedendo un’automobile che presenta dati di consumo più elevati di altre. Vediamo il caso dei motori funzionanti a gas metano.
PERCHÉ ACQUISTARE UN’AUTO A METANO – L’utilizzo di gas metano come combustibile per l’alimentazione dei motori d’automobile si è diffuso soprattutto negli ultimi anni, nella maggior parte dei casi attraverso la formula della propulsione bifuel (come i motori Natural Power prodotti dalla Fiat). I vantaggi di questo tipo di motori sono il minor impatto ambientale del metano, con una forte diminuzione nelle emissioni di anidride carbonica, e il suo costo presso i distributori, parecchio inferiore ai tradizionali gasolio e benzina, che consente un notevole risparmio a fine mese. Il prezzo del metano infatti può arrivare anche a meno della metà nei confronti della normale benzina.
I CONTRO DI UN’AUTO A METANO – Ciononostante, un’auto a metano presenta anche dei contro: il rendimento del motore risulta inferiore, provocando un consumo maggiore; inoltre, il maggior peso a vuoto dell’automobile, dovuto all’impianto e alle bombole, causa un calo nelle prestazioni dell’auto e un’ulteriore aumento del consumo. Si può dire che le più parsimoniose auto ibride, a metano e benzina, si attestano fra i 4,7 e i 5,9 metri cubi di metano su percorso misto (il primo valore, il migliore, lo ottiene la Fiat Panda con motore 0.9 Twin Air Turbo Natural Power, che quando funziona a benzina raggiunge i 4,5 litri per 100 km). Da valutare anche il prezzo di listino di queste auto, solitamente piuttosto elevato in confronto alle “sorelle” dotate di propulsori tradizionali, e i costi di manutenzione, più gravosi, poiché le auto a metano necessitano di maggiori cure.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 30 Media: 3.4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

12 − 7 =