punti patente

Ormai da qualche anno è stata introdotta la patente a punti, un modo per cercare di rendere il comportamento degli automobilisti più consono e frenare le irregolarità, ma per evitare sgradite sorprese è importante verificare periodicamente il proprio saldo punti.

VERIFICARE ONLINE IL SALDO PUNTI – Per essere a conoscenza del numero di punti presenti sulla propria patente è sufficiente essere dotati di una connessione a internet per visitare il sito ufficiale della Motorizzazione Civile. Qui è possibile verificare non solo il saldo punti, ma anche conoscere le ultime novità relative al mondo delle quattro ruote. E’ inoltre possibile ritrovare tutte le norme del Codice della Strada per essere sempre aggiornati sulle ultime modifiche introdotte. Per effettuare queste operazioni è però necessario registrare il proprio profilo. Nella parte superiore della pagina a destra è possibile cliccare un apposito pulsante che consente di sapere quanti sono i punti rimasti sulla propria patente. Farlo è molto semplice: basta scegliere la registrazione del cittadino, cliccare su “Continua”, leggere l’informativa sulla Privacy e inserire i prorpi dati personali. Non appena il form è stato compilato, basta cliccare sul pulsante “Continua” per avviare la procedura. In mezzo a tutti gli altri dati riguardanti la patente e la sua storia, sarà possibile visualizzare anche i punti rimasti. Questo sistema consente anche di visualizzare uno “storico” dell’utente, quindi capire quanti punti sono stati tolti dalla patente, quando e perché.

VERIFICARE I PUNTI PATENTE IN MOBILITA’ – In alternativa, è possibile scaricare sul proprio dispositivo mobile, smartphone o tablet, l’applicazione specifica denominata iPatente. chiamare il numero 848-782782. Dopo aver composto la propria data di nascita sulla tastiera, una voce guida chiederà di digitare il numero di patente senza le lettere seguito dal tasto cancelletto: a quel punto verrà trasmesso il dato sui punti a disposizione. La telefonata è però a pagamento.

RECUPERO E INCREMENTO PUNTI PATENTE – Chi ha commesso qualche irregolarità alla guida e ha subito la sottrazione di alcuni punti dalla patente ha comunque la possibilità di recuperare. Ricordiamo comunque che per chi mantiene i 20 punti di partenza, ogni 2 anni è previsto un “premio” sotto forma di accredito punti. Infatti, ogni 2 anni, ne verranno aggiunti 2 alla propria patente, fino a un massimo di 30. Vediamo invece come procedere per recuperare i punti persi:

  • perdita superiore a cinque punti: è necessario frequentare un corso di scuola guida e sostenere un esame prima teorico e poi pratico. Grazie a questi corsi è possibile accreditare 6 punti sulla propria patente, con l’eccezione di chi è in possesso di una patente professionale che può recuperare 9 punti in una volta sola. La durata dei corsi è di 12 ore per le patenti A e B, 18 ore per le patenti C, D, CE, DE, KA, KB;
  • perdita uguale o inferiore a 5 punti: nessun corso necessario, basta non commettere irregolarità per due anni consecutivi. Se ’automobilista parte da 20 punti e gli vengono sottratti cinque punti, va a 15. Dopo due anni senza infrazioni torna a 20. Se invece l’automobilista parte da 30 punti e subisce una sottrazione di 5 punti, ripartirà da 25 e dopo due anni senza infrazioni salirà a quota 27;
  • perdita di tutti i punti della patente: chi ha perso tutti i punti dovrà obbligatoriamente ostenere nuovamente l’esame di teoria e l’esame di guida perché la perdita di tutti i punti causa la revoca automatica della patente.

Una situazione particolare è invece quella che coinvolge chi ha preso la patente da meno di tre anni: n assenza di violazioni che prevedono decurtazione di punti verrà attribuito sulla loro patente un punto ogni anno, fino a un massimo di tre. Se invece sono stati persi dei punti è possibile recuperare con corsi specifici, con esame finale presso le autoscuole o altri enti autorizzati.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + 1 =