Furto auto: cosa fare, enti a cui rivolgersi, consigli utili da seguire

furto auto

Subire il furto della propria auto è certamente sgradevole, ma è importante agire con freddezza e non lasciarsi prendere dallo sconforto. Ecco alcuni consigli utili da seguire in questi casi.

Furto auto: sporgere denuncia alle autorità competenti

La prima azione da compiere dopo avere subito il furto della propria auto è la denuncia alle forze dell’ordine. Si può decidere se rivolgersi alla polizia o ai carabinieri. E’ necessario comunicare il numero di targa. Si deve inoltre indicare se il ladro ha portato con sé anche il certificato di proprietà o la carta di circolazione. La denuncia può essere fatta anche da chi non risulta essere proprietario del veicolo.

Compiere questa azione è fondamentale, non solo per provare a rintracciare il mezzo. Nel caso in cui il malvivente dovesse utilizzare la vettura per compiere reati, si può dimostrare di non essere coinvolto in prima persona.

Furto auto: comunicare il fatto al PRA

Le procedure da seguire non sono però finite qui. L’utente a cui è stata sottratta l’auto dovrà infatti rivolgersi al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) per registrare la perdita di possesso del veicolo. All’ufficio dovranno essere presentati la copia della denuncia, la carta di circolazione e il certificato di proprietà. Se non si dovesse essere in possesso di anche solo uno di questi documenti si può portare il modello NP3C in duplice originale. E’ possibile reperirlo sul sito dell’ACI o direttamente negli uffici del PRA.

La comunicazione del furto al PRA è fondamentale: serve infatti per ottenere l‘esenzione dal pagamento di assicurazione e bollo auto.

Furto auto: informare l’assicurazione

Anche la compagnia assicurativa con cui è stato stipulato il contratto deve ovviamente essere a conoscenza della situazione. Alla società deve essere consegnata una copia della denuncia e la documentazione della perdita di possesso del veicolo rilasciata dal PRA. In alcuni casi può essere chiesto di ricevere le copie delle chiavi della vettura.

A questo punto si deve capire come muoversi per ottenere il tanto agognato risarcimento. E’ necessario innanzitutto consegnare all’assicuratore la copia in originale della denuncia e l’estratto cronologico del veicolo nel quale è evidenziata la perdita di possesso dell’auto. Si deve inoltre presentare anche una copia del certificato di chiusura inchiesta. Il documento indica che l’autorità a cui si è fatta la denuncia ha indagato e ricercato il veicolo rubato ma senza successo. E’ possibile averlo presso la Procura della Repubblica situata nel luogo dove è avvenuto il furto.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 − otto =