Le esenzioni e le riduzioni del bollo auto nelle diverse regioni

La normativa italiana prevede la possibilità di un’esenzione totale o parziale del bollo auto.

LE ESENZIONI DEL BOLLO AUTO – Ci sono alcune categorie di veicoli che hanno diritto a beneficiare dell’esenzione totale o parziale del bollo auto. Tra queste, al primo posto troviamo i veicoli utilizzati per il trasporto dei disabili, seguono i veicoli con alimentazione a metano o gpl, le quali hanno diritto ad una riduzione sull’importo totale da versare, e quelle elettriche ad emissioni zero. Sono esenti dal pagamento del bollo anche le auto immatricolate da almeno vent’anni e da più di trent’anni. In linea generale, le auto alimentate esclusivamente a gas, sia gpl che metano, hanno una riduzione sul pagamento del bollo del 75%, anche se in alcune zone è prevista un’esenzione totale. In ogni caso, essendo il bollo auto una tassa regionale, la natura delle varie agevolazioni cambia da regione a regione. Per quanto riguarda le auto elettriche, esse sono esentate dalla tassa di proprietà per sempre, in alcune regioni, mentre in altre per i primi tre anni o per i primi cinque anni, pagando in seguito una somma ridotta del 75%.

UNA PANORAMICA DELLE VARIE REGIONI – Le esenzioni o le riduzioni del pagamento del bollo auto variano da regione a regione. In particolare, le auto con alimentazione a gpl hanno diritto al pagamento di un quarto del bollo previsto per un’auto a benzina in alcune regioni, quali Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto. Mentre in Friuli Venezia Giulia e in Calabria non sono previste esenzioni per le auto a gpl, per la regione Marche è prevista una tariffa agevolata di 2,79 euro per KW sulle auto benzina/metano e benzina/gpl. Per il Piemonte e la Basilicata è prevista l’esenzione per i primi cinque anni dall’immatricolazione, mentre in Lombardia è prevista l’esenzione totale. In molte regioni italiane, inoltre, è prevista l’esenzione totale dal pagamento del bollo per i primi cinque anni dell’immatricolazione, per quanto riguarda le auto elettriche. In alcune regioni è inoltre prevista una riduzione del bollo per i primi tre o cinque anni dall’immatricolazione per le auto ibride.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Voti: 24 Media: 2.4]

NESSUN COMMENTO

Rispondi

19 − 2 =