Dieci buoni consigli per risparmiare sulla benzina

Il costo della benzina vi assilla? Ecco qualche trucco e qualche dritta per risparmiare benzina con la propria auto.

La fluttuazione del prezzo della benzina è ormai vissuta da ogni buon automobilista con stoica rassegnazione, come una fatalità calata dall’alto alla quale non è possibile porre rimedio, peraltro in balia di mai ben chiariti meccanismi economici e speculativi, appesantita da tasse e balzelli e pure mutevole come nemmeno l’umore del più incallito dei meteoropatici. E dunque? Dunque per evitare il dissanguamento del portafoglio occorre risparmiare SULLA benzina e risparmiare LA benzina. Ecco dieci buoni consigli su come fare

  1. Caccia al costo più basso 

Non vi accontentate di qualunque distributore di benzina troviate sulla vostra strada: cercate quello più economico! Sono sempre più diffuse le “pompe bianche”, quelle a brand “non convenzionali” che offrono benzina a prezzi generalmente più bassi, specie se combinati ad impianti self-service. La riduzione dei costi “alla radice” è la base di ogni risparmio.

  1. Evitare di far accendere la spia “fare rifornimento”

Consiglio connesso al precedente: siate metodici nel fare benzina, se possibile, dove sapete se costa meno. Se siete sempre in giro evitate di dover essere “costretti” a fare urgentemente benzina al primo distributore disponibile. Per la legge di Murphy costerà sicuramente un occhio della testa. Per cui, se vedete un distributore a prezzi bassi sulla vostra strada, fermatevi anche se non siete “in arancione”…

  1. Evitare la guida sportiva

Una volta minimizzati i costi del rifornimento occorre passare alla fase “minimizzazione del consumo”. La prima regola in tal senso è evitare la guida sportiva, tanto divertente ed appagante quanto letale per il portafoglio. Accelerazioni brusche, cambi di passo e continue frenate consumano benzina. E’ necessario farsene una ragione.

  1. Abbassare la velocità di crociera

Se anche la guida fosse uniforme, sul consumo incide, come ovvio, la velocità. Mantenere una velocità di crociera costante intorno ai 110 Km/h anche nel caso di lunghi tratti autostradali e di “pista libera” comporta un notevole risparmio di carburante.

  1. Usare bene le marce

Lo sfruttamento ad alti regimi del motore consuma più carburante: così, analogamente a quanto accade per l’eccesso di “accelerazione”, anche l’utilizzo del cambio dovrebbe essere orientato al risparmio. Cambiari in anticipo e marciare a bassi regimi è una soluzione di risparmio assai efficace. Controindicazione ovvia: non vale se hai un cambio automatico…

  1. Usare il navigatore

Recenti studi hanno dimostrato il fatto che chi usa il navigatore con costanza fa in genere meno strada, cosa che ovviamente comporta minori consumi. Se dovete andare in qualche nuova destinazione non conosciuta, non fate dunque “di testa vostra” evitandovi inversioni, imprevisti e circoli viziosi. Anche qui, controindicazione: se per caso il navigatore sbaglia o la strada che vi indica è chiusa, sarà ancora peggio…

  1. Usare il climatizzatore solo se serve

L’accensione del climatizzatore per abbassare la temperatura dell’abitacolo comporta un notevole aumento dei consumi che può essere quantificato fino al 20% in alcuni tipi di vetture, specie se dagli spazi “interni” ampi. Per questo, fermo restando la necessità di non “cuocere” nell’abitacolo se fa molto caldo, basta usarlo con intelligenza e parsimonia. Magari abbassando qualche volta i finestrini come si faceva una volta.

  1. Potendo, d’estate fare il pieno di sera

Non ci crederete, ma facendo rifornimento con una temperatura oltre i 30 gradi la benzina evapora, seppur in minima parte. Si tratta di meno dell’1% del suo volume ma si tratta pur sempre di uno spreco.

  1. Tenere gli pneumatici correttamente gonfi

Viaggiare con pneumatici sgonfi comporta un extra-consumo quantificabile a circa l’1% per ogni decimo di atmosfera in meno rispetto al livello corretto indicato dal produttore nei documenti tecnici della vettura.

10.   Andare a piedi

Che razza di consiglio da dare ad un automobilista! Eppure, in fondo basta poco: usiamo la macchina quando è necessario e magari per percorsi più brevi o per andare a comprare il giornale risfoderiamo la biciletta o facciamoci una bella passeggiata. Farà bene al portafoglio e alla salute!

Photo Credit: Roberto

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 + due =