Caro-benzina come sopravvivere

Benzinai
Una stazione di servizio "artistica"

La benzina ormai è diventata un bene di lusso. Cara, “grazie” alla instabilità del medioriente, alle riserve di petrolio in caduta libera e a una rete di distribuzione arretrata, così arretrata da far infuriare anche gli operatori del settore. Eppure, anche se la crisi dovrebbe, in teoria, abbattere i consumi di benzina e quindi ridurre i prezzi, così non è. Per questo, bisogna attuare delle strategie di sopravvivenza al caro-benzina per evitare che il prezzo della benzina incida troppo sui bilanci familiari.

Leggi anche: lo sciopero dei benzinai, come e perché

Usare i mezzi pubblici o il car sharing

In città è facile: basta lasciare la macchina in garage e andare in giro con i mezzi. Più complicato in campagna, con il trasporto pubblico locale in crisi e con corse dei pullman blu che sono sempre di meno. Ciononostante, per aggirare il caro-benzina, si possono attuare strategie come il car-pooling o il car sharing che, grazie a innovative formule commerciali, permettono di ridurre i costi della benzina.

Cambiare carburante

Mentre le città, finalmente, si stanno dotando delle colonnine per ricaricare le auto, in provincia non è che si vedano stazioni di rifornimento per le auto elettrica. Eppure, le alternative al caro-benzina già ci sono: basta, in fondo, andare a metano o a Gpl. Il gas metano è un combustibile, tutto sommato, pulito: praticamente nessuna polvere e “solo” anidride carbonica, anche se è non è facilissimo da gestire. Il Gpl, essendo un derivato del petrolio, invece è un po’ più facile da trovare. In fondo, basta avere una macchina a benzina e con la bombola e un paio di adattamenti, il gioco è fatto. Occhio, però, alla longevità del motore.

Tenere il veicolo in efficienza

Molti lo sottovalutano, ma anche gli pneumatici hanno un ruolo chiave nel consumo di carburante. Se lo pneumatico è un po’ più efficiente, allora la macchina aderisce meglio al terreno ed è più facile risparmiare qualche goccia di benzina. Non solo, facendo i tagliandi regolarmente e occupandosi dell’efficienza generale del motore, si possono mantenere inalterati i livelli di consumo dell’auto, il più vicino possibile a quanto dichiarato dalla casa, una volta che la macchina era uscita dalla fabbrica, facendo marameo al caro-benzina.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]