Come cambiare le gomme da soli: la procedura guidata fai da te

Cambiare uno pneumatico danneggiato è semplice. Bastano pochi minuti, un crick, una chiave e, ovviamente, la ruota di scorta.

Si è forata una gomma dell’auto? Pazienza. Occorre sostituirla. Come fare? Cambiare le gomme da soli non è difficile, ma occorre prestare grande attenzione. Per viaggiare in sicurezza, la stabilità di una ruota è fondamentale. Ecco una breve guida.

Cambiare le gomme da soli: fase 1 – gli strumenti

Percepita la necessità di cambiare uno pneumatico, occorre fermare l’auto in una zona piana e non troppo vicina né alla sede stradale, né a un marciapiede. È obbligatorio posizionare il triangolo di segnalazione a debita distanza ed è buona norma accendere le quattro frecce. Quindi bisogna spegnere il motore, azionare il freno a mano e inserire la prima marcia, o la retro. Nel caso in cui si disponga di un cambio manuale, occorre portare la levetta sulla lettera P. A questo punto bisogna estrarre dal bagagliaio il crick, la ruota di scorta e la chiave per svitare i bulloni.

Attenzione: è opportuno, periodicamente, controllare la presenza di questi attrezzi in auto e le condizioni della ruota di scorta, al fine di evitare di trovarla sgonfia.

Cambiare le gomme da soli: fase 2 – smontare lo pneumatico

Bisogna posizionare il crick in prossimità del passaruota della gomma da sostituire. Il punto di sollevamento si trova sempre all’interno, mai sul frontale o sulla coda dell’auto. Quindi è sufficiente azionare il crick per sollevare la vettura quanto basta per togliere lo pneumatico: circa un palmo da terra. Una volta bloccato il crick, con la chiave si allentano i bulloni, presupponendo che sia già stato tolto l’eventuale copricerchio. I bulloni si svitano a mano, è più efficace, avendo cura di non perderli. Quindi si toglie la gomma danneggiata e la si adagia per terra.

Cambiare le gomme da soli: fase 3 – montare la ruota di scorta

Si prende la ruota di scorta (o il cosiddetto ruotino), la si posiziona sulle guide e si avvitano, una alla volta, i bulloni, sempre con le mani. Quindi si fa scendere lentamente il crick fino a quando la nuova gomma non poggia per terra. L’operazione si conclude stringendo con forza i bulloni utilizzando la chiave, assicurandosi che siano ben avvitati. La terza fase per cambiare le gomme da soli si conclude riponendo con cura gli attrezzi e la gomma danneggiata nel portabagagli.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 5 Media: 3.6]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattordici − tredici =