Calcolo bollo ACI: come funziona questo servizio

Una guida per comprendere le caratteristiche di questo servizio che permette di conoscere l'ammontare della tassa di circolazione e pagarla direttamente online.

Abbiamo già dedicato ampio spazio a questa tassa automobilistica, analizzandone caratteristiche e novità, oltre a sottolineare i soggetti che non sono chiamati a pagarla, ma anche le sanzioni previste per chi non effettua il pagamento. In questa breve guida vogliamo focalizzarci su un aspetto particolare, o meglio, su uno specifico servizio: il calcolo bollo ACI.

LA PIATTAFORMA DELL’AUTOMOBILE CLUB D’ITALIA – Il calcolo bollo ACI è automatico: basta recarsi sulla piattaforma online dell’Automobile Club d’Italia e inserire alcuni dati. Una volta digitati apparirà immediatamente l’importo dovuto, nonché le modalità di pagamento, nel caso si desideri effettuarlo online, ma su questo aspetto ci soffermeremo in seguito. Le informazioni da inserire sono le seguenti: tipologia del veicolo interessato (auto, moto, rimorchi), tipo di pagamento (rinnovo, prima immatricolazione, ecc.) e numero di targa del mezzo. Il portale, oltre a effettuare il calcolo bollo ACI, ricorda anche la scadenza per il versamento. Occorre sottolineare che l’importo del bollo dipende dall’effettiva potenza del veicolo, espressa in kilowatt, riportata obbligatoriamente sul libretto di circolazione.

PAGAMENTO DEL BOLLO ONLINE – Oltre alla funzione di calcolo bollo ACI, la piattaforma permette anche di pagare online l’importo di questa tasse, tranne nelle regioni Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche, Calabria, Sicilia e Sardegna che non hanno ancora sottoscritto un accordo con l’Automobile Club d’Italia. L’operazione prevede, tuttavia, un costo aggiuntivo, pari all’1,2% dell’ammontare complessivo. Come riportato chiaramente sulla piattaforma “il servizio calcola l’importo dovuto solo a partire dal primo giorno del mese successivo a quello di scadenza dell’ultimo bollo pagato”. Quindi, per fare un esempio, se il mese di scadenza è febbraio, il primo giorno utile per effettuare il pagamento sarà il 1° marzo. Per chi lo desidera, è possibile anche pagare il bollo in anticipo rispetto alla scadenza, salvo nel mese di dicembre. Esistono altre piattaforme in grado di calcolare l’entità della cosiddetta tassa di circolazione, ma sicuramente quello dell’Automobile Club è il più preciso tra quelli in circolazione.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove + 1 =