Adattamenti auto per disabili: tutte le informazioni

Quali sono gli adattamenti possibili riguardo le auto per disabili.

Con il termine adattamento si intende la modifica del veicolo, prima dell’acquisto, con appositi accessori commisurati alla ridotta capacità motoria del disabile.

ADATTAMENTO TECNICO DEL VEICOLO – Le persone disabili, sia titolari di una patente di guida speciale sia affetti da una patologia che comporta ridotte o impedite capacità motorie permanenti, possono usufruire delle agevolazioni fiscali solo ed esclusivamente se i veicoli vengono adattati in funzione della disabilità motoria. Infatti, questa è l’unica tipologia di disabilità per cui l’adattamento tecnico del veicolo costituisce una condizione inderogabile. Gli adattamenti devono sempre risultare dalla Carta di Circolazione e possono riguardare sia le modifiche ai comandi di guida, sia le modifiche alla sola carrozzeria o la sistemazione interna del veicolo, per mettere il disabile nella condizione di accedervi, sia come guidatore che come passeggero.

QUALI SONO GLI ADATTAMENTI – Ci sono diverse modifiche che è possibile effettuare per adattare il veicolo e permettere al disabile di guidare. In particolare, per quando riguarda le menomazioni agli arti superiori, gli interventi che si possono effettuare riguardano le centraline di azionamento servizi, le pulsantiere luci e frecce, gli adattamenti al freno di stazionamento, le impugnature al volante, monoleva, monoleva radiale, volantino, facilitazione leva del cambio e comandi ausiliari. Invece, per quanto riguarda le menomazioni agli arti inferiori, gli adattamenti riguardano acceleratori a comando manuale, manettes, freni a comando manuale, pedale dell’acceleratore a sinistra, prolunghe dei pedali, servofrizioni automatiche/elettroniche e acceleratore a freno per tetraplegici. Inoltre, si possono effettuare modifiche per agevolare il caricamento della carrozzina. Oltre a questi tipi di modifiche che permettono la guida a persone disabili, altri tipi di adattamento vengono effettuate per consentire e agevolare il loro trasporto, come per esempio i sollevatori per carrozzine a braccio o a piattaforma, la rampa a scomparsa, le rampe d’accesso, il piano ribassato, il sedile a rotazione, la gruetta solleva persone e i sistemi per l’ancoraggio della carrozzina.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − cinque =