Car sharing: ora si condivide anche l’auto aziendale

Arriva Alphacity, un nuovo servizio di condivisione di vetture all'interno dell'azienda

Alphacity-corporate-carsharing
Alphacity-corporate-carsharing

Precisamente si chiama “corporate car sharing“, cioè la condivisione di una vettura all’interno di un’azienda. Se nel Bel Paese sta dilagando la moda del car sharing, perché le società italiane dovrebbero essere da meno?

Alphacity

In Italia arriva, grazie ad una società del BMW Group chiamata Alphabet, il servizio Alphacity.

Basta uno smartphone e la card Alphacity per poter condividere un’auto all’interno delle aziende che aderiscono alla nuovissima iniziativa. Una volta che si decide di attivare il servizio l’azienda avrà a disposizione una flotta di auto ( Mini e BMW) e la piattaforma tecnologica in cui i dipendenti potranno gestire le macchine in totale condivisione. Come? Semplicemente attraverso una carta. Quando vorranno utilizzare una vettura basterà quindi prenotarla online o attraverso l’applicazione mettendo orario della riconsegna e del ritiro. Dopo la prenotazione i dipendenti potranno aprire la macchina con la card semplicemente avvicinandola al lettore sul parabrezza. E non c’è il problema di non ritrovare le chiavi in borsa. Infatti non ci sono chiavi per accendere il motore. Basta inserire il proprio PIN e via. Pronti a partire. Come in tutti gli altri servizi di car sharing Alphacity si occuperà della manutenzione della vettura. Per chi avesse problemi c’è un call center di assistenza disponibile 24 ore su 24 che può aprire, chiudere e rintracciare le auto.

 BMW e MINI

Per ora il servizio approdato in Italia offre solo BMW e MINI. Si può spaziare tra tanti modelli, dalla nuova Serie 2 Active Tourer, alla Serie 1 fino alla Serie 3. Per quanto riguarda la Mini sono disponibili la MINI classica e tra poco anche la MINI 5 porte. E se di condivisione si parla anche l’attenzione all’ambiente diventa fondamentale. Ecco allora che presto arriverà anche la BMW i3 con motore elettrico.

Risparmi

Se la crisi economica è ormai diventato un fardello molto pesante per tutti, le aziende potrebbero trovare riparo con questo nuovo servizio di corporate car sharing. Secondo Alphacity si potrebbe infatti risparmiare circa il 40% evitando così i soliti rimborsi taxi. Ma c’è un altro punto da valutare. Le società possono infatti anche utilizzare il servizio privatamente, cioè affittando le vetture ai propri dipendenti che dovranno pagare una tariffa concordata con Alphacity. Scelta che potrebbe rivelarsi vincente per tutti. Per l’azienda al fine di recuperare costi e per i clienti-dipendenti che la noleggeranno di sicuro a un prezzo molto competitivo.

 

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]